Ouray Ice Festival and Worldcup in Europe
posted on February, 2015

 
Sono appena terminate quattro settimane di gare e sono andate
molto molto bene!
A inizio gennaio, insieme a mio compagno Marco ho visitato il
Colorado negli Stati Uniti. I primi giorni li abbiamo spesi facendo
arrampicata su Misto vicino a Vail e poi ci siamo spostati ad Ouray,
dove abbiamo scalato su ghiaccio nel bellissimo canyon vicino al
paese, che ogni anno viene artificialmente ricoperto di collate di
ghiaccio. Qui ho partecipato al famoso Master internazionale di
arrampicata su misto che si svolgeva durante la 20esima edizione
dell’Ice Festival. Avevo sentito parlare di questa gara da anni e così
finalemte ho deciso di saltare una tappa di Coppa del Mondo e di
parteciparvi. Ne è sicuramente valsa la pena, sono riuscita a
vincere la gara femminile e mi sono piazzata seconda nella
classifica mista generale, su una via costituita da ghiaccio, poi una
decina di metri di roccia e un pannello finale artificiale con una
fessura da scalare. Il festival era veramente bello, le persone che
abbiamo conosciuto erano gentilissime e magari tornerò anche
l’anno prossimo, questa manifestazione merita sicuramente!
Tornata in Europa ho partecipato alla Coppa del Mondo di
Iceclimbing a Saas Fee in Svizzera, che è una delle mie gare
preferite. La gara si svolge all’interno di un grande parcheggio e la
struttura di gara è una delle più alte del circuito. Qui avevo vinto la
mia prima gara di Coppa del Mondo nel 2008, il mio primo
mondiale nel 2009 e quest’anno ho potuto ancora sfruttare tutta la
mia resistenza e vincere questa tappa per la quinta volta.
La settimana dopo è stata la volta della gara più importante
dell’anno, il Campionato del Mondo a Rabenstein nella bella Val
Passiria, vicino a casa mia a Merano. Era una settimana piena di
nervosismo pre-gara, visto che tutti, dagli organizzatori della gara
fino ai media locali speravano che potessi vincere il mio quarto
titolo mondiale proprio in casa. Nelle finali ho scalato molto
concentrate, senza errori ed anche molto veloce; motivata dal mio
pubblico di casa ho avanzanto ben un minuto del tempo a
disposizione ma la mia avversaria Shin Woonseon della Corea del
Sud è stata ancora più veloce e quindi sono arrivata seconda. Sono
contenta di questa medaglia d’argento, visto che non era facile
scalare bene con tutta la pressione esterna e le aspettative e quindi
sono soddisfatta di questa bella gara in casa.
Quest’ultimo finesettimana la Coppa del Mondo si è spostata a
Champagny en Vanoise in Francia. La struttura qui è molto bella,
con molto ghiaccio verticale e strapiombante e situata in un
bell’ambiente di montagna. Dopo aver speso molta energia e
concentrazione alla gara di casa a Rabenstein, qui mi sono sentita
vuota ed è stato dificile ritrovare l’energia e la concentrazione
mentale giusta. In finale però ero molto determinate, ho dato tutto e
ho vinto per la prima volta la gara a Champagny!
Adesso ci sono 4 settimane libere dalle competizioni prima
dell’ultima tappa di Coppa del Mondo in Russia. In queste
settimane continuerò a fare Dry Tooling, e spero di trovare ancora
qualche bella cascata di ghiaccio da fare ma allo stesso tempo
ricomincerò con la scalata su roccia. Al momento sono in testa alla
classifica generale e quindi bisognerà ancora una volta dare il
massimo a Kirov.


indietro